crostata frangipane alla composta di pere, pepe e cannella, per l’mtc!

quasi quasi ci sarebbe da gridare al miracolo!
quest mese per l’MTC niente lamentele, nessun inghippo, nessuna scorta da snobbare e rifare, tutto è andato liscio come l’olio grazie a quell’anima buona di Ambra e della sua proposta (non certo merito delle folli disgraziate che fosse stato per loro chissà cosa avrebbero proposto!!)
certo non volevo fare una crostata con solo crema frangipane, ennò, perchè semplificarsi la vita, la mia primissima idea mi è stata soffiata da sotto il naso da un’altra partecipante…..vorrei tanto dire se la pijo, ma vive troppo lontano e non la piglierò mai (sto scherzando eh, la adoro!), e così scartata questa mia prima idea che vi dico in tutta sincerità era geniale (sigh) mi è venuta in mente una composta di pere particolarissima che ho fatto tempo fa e che mi era piaciuta moltissimo, ok, trovato l’accostamento giusto per questa crema di cui ho tanto sentito parlare ma che non avevo mai fatto causa quel burro maledetto che cerco di usare sempre il meno possibile!
burro – frolla = altro burro!!!
no, faccio la mia solita frolla all’olio e la aromatizzo al cacao che con le pere ci sta sempre bene, ed ecco che cosa è venuto fuori:
CROSTATA FRANGIPANE CON COMPOSTA DI PERE; PEPE SECHUAN E CANNELLA:

per la frolla:
330gr di farina
30gr di cacao amaro
120gr di zucchero
100gr di olio di semi
2 uova
mezza bustina di lievito
un pizzico di sale
procedere come una normale frolla, fare un panetto e metterlo in frigorifero.
per la crema frangipane la ricetta di Ambra:
100gr di burro
100gr di zucchero
100gr di farina di mandorle
1 uovo
30gr di maizena
mia aggiunta un cucchiaio di grappa
montare il burro con lo zucchero, unire l’uovo, la grappa, la farina di mandorle e la fecola sempre continuando a montare.
per la composta di pere e pepe:
600gr di pere già pulite
350gr di zucchero di canna
succo di 1 limone
1 cucchiaino di pepe sechuan
1 stecca di cannella
mettere nella pentola le pere tagliate a tocchetti, lo zucchero, il succo di limone e le spezie, mettere sul fuoco e cuocere quel tanto che basta a far sciogliere lo zucchero, lasciare riposare 4 ore o tutta la notte e rimettere sul fuoco per 20 minuti o di più se si vuole la pera più morbida, 
togliere la cannella, invasare, chiudere e girare il vasetto fino a raffreddamento della composta.
composizione della torta:
stendere la frolla nello stampo (io uno stampo da tarte), coprire con carta forno e legumi secchi e cuocere a 180° per 10 minuti, togliere carta e legumi e continuare la cottura per altri 5 minuti.
stendere la composta di pere e coprire con la crema frangipane (ho usato una sac a poche per facilitare la cosa), cuocere per altri 25 minuti finchè la superficie della crema risulterà bella dorata.
non ho usato guarniture ma solo una spolverata di zucchero a velo.
lasciarla raffreddare completamente prima di sformarla.
note:
la dose di pasta frolla è tanta rispetto alla misura dello stampo da tarte, l’ho congelata per altre preparazioni.
della composta di pere ho fatto metà dose perfetta per la misura della tarte, se si vuole fare uno stampo rotondo credo sia meglio fare la dose intera.
io sono una golosa anomala, mi strafogherei di dolci ma non amo quelli troppo “dolci” e questo nel complesso mi è sembrato così, molto zuccheroso, la crema frangipane mi è piaciuta moltissimo ma se dovessi rifarla stravolgerei le dosi di zucchero, so che non si dovrebbe fare ma credo che poi ognuno debba farsi piacere ciò che cucina al di là delle ricette standard.
non so se avrò l’occasione di farne un’altra, ma assaggiando la frangipane a me è venuto in mente subito un’accostamento alcolico, devo approfondire la cosa!
e anche questo mese grazie all’MTC  e ad Ambra mi sono messa alla prova con una ricetta sconosciuta, mi sono divertita, ho mangiato una torta squisita e adesso ricomincia l’ansia da vincitore, premi fotografici, attesa della nuova ricetta ecc ecc !!!
‘na vitaccia!!!

48 thoughts on “crostata frangipane alla composta di pere, pepe e cannella, per l’mtc!

  1. a differenza di quanto si potrebbe pensare, guardando i dolci che posto su mt, anche a me il gusto del burro non piace. Difatti, uso quasi sempre burro salato, anche nei dolci, e se posso lo sostituisco. Ma sempre con prodotti grassi, tipo la panna o il mascarpone. Anche la frangipane, la preparo solo con la panna, per dire.
    Ho invece ancora qualche remora per la frolla all'olio, nei dolci. Nel salato, vado di pasta al vino, al posto della brisè- con ampia soddisfazione di tutti. Nel dolce, qualcosa mi trattiene. Temo che sia la paura di buttarmi e di tradire l'unica ricetta dolce tramandatami da mia nonna, che ha il pregio di adattarsi benissimo a tutti i ripieni e riesce sempre. Però, il desiderio di provare qualcosa di diverso c'è- e c'è soprattutto in questo momento, di fronte alla tua frolla al cacao.
    Anch'io sono per i dolci poco dolci, specie in una scelta di accostamenti come questa: il dolce coprirebbe i contrasti, le sfumature, i retrogusti di un dessert che è invece un gioco di equilibri perfetto.
    insomma, il buongiorno si è visto dal mattino 🙂 con una sfida "liscia"- e i risultati ne sono la conferma
    sul lilla della foto, svengo 🙂
    bravissima

    1. anche io per il salato uso ormai sempre la pasta al vino, che fra l'altro credevo di avere inventato e invece ho scoperto in rete dosi uguali in una ricetta bimby, vabbuo', a parte questo non potendo usare burro per mio marito ho trovato in questa frolla all'olio un'ottima alternativa, rimane friabile ed usando un olio di semi non si avverte il sapore troppo spiccato dell'evo.
      certo la frolla classica è un'altra cosa, ma ci si arrangia come si può!
      il lilla?
      non potrei vivere senza questo colore!! ^_^

    1. eh, ma te c'hai l'ansia per vincerlo, io l'opposto, che poi a mano a mano che arrivano le ricette devo dire che l'ansia mi abbandona perchè sono talmente belle e fantasiose che non lo vincerò MAI….entrerò nel guinnes come te!

  2. Dauly, ho aperto il tuo post con titubanza temendo di averti clonato la ricetta ma…. fortunatamente tu sei ben OLTRE! Con una frolla così e il contrasto tra il guscio ed il resto… NON C'E' STORIA! … sulle foto non mi esprimo… piango!
    Nora

    1. lassa stà le foto che ci ho messo una sera e una mattina per tirarne fuori una, ci sono piatti che non so per quale motivo per fotografarli mi fanno dannare!
      e poi ti svelo un segreto, se anche mi avessi clonato la ricetta, almeno da parte mia non c'è nessun problema, non sono una di quelle gelose delle proprie "creazioni" che gridano al plagio ogni 3×2, col blog mi diverto e non mi stresso, tranquilla!
      grasssieeee!!!

  3. Stavo per chiederti come avevi fatto ad eliminare i granelli di pepe e invece ho capito che restano lì a daregusto e un pò di croccantezza…mi toccherà iniziare ad usarlo, mi butto!!

    Foto bellissima!!

    ciao loredana

  4. Fantastica, ma non ho capito qual è la ricetta che ti hanno soffiato? Anche per me era troppo dolce, infatti pensavo che la prossima volta metterò sicuramente 20gr di zucchero in meno, semmai la rifarò, besos!

  5. Cavolo il pepe nel dolci … una ricettina davvero sublime!!! Complimenti! Mi piace moltissimo anche perchè adoro tutti gli ingredienti … quel pep in più è davvero una cosa nuova che mi attira tantissimo!
    Un bacione
    Monique

  6. Ciao bella!! Allora…pere e cioccolato…che te lo dico a fà!!! Ma il pepe di S. gli dà un brio inaspettato…bella versione davvero…tutta da gustare!! Un bacione tesoro! Smack!

  7. Che meraviglia Dauly!!! La pasta frolla è praticamente uguale a quella di mia madre (deve stare attenta al colesterolo!) che gli diede una signora tempo fa…che per caso sei tu?? 😛
    Quindi so della bontà della frolla…ma l'accostamento con la composta di pere e pepe penso renda il tutto molto più godurioso!

    P.S. Anche io preferisco i dolci non troppo dolci…e più sono "secchi" meglio è! Ma sopratutto mi piace da morire prepararli…ma non mangiarli! Sì, sono moooolto anomala! 😛

  8. Meno male, carissima Dauli, che non ci sono stati intoppi 😀 ma con questa meraviglia sfido io a non fare andare tutto per il meglio! Davvero una gran bella ricettina! E poi l'aggiunta del pepe è davvero una nota di classe! Bravissima!
    Buona settima 🙂 infine ti invito, se ti fa piacere, ad unirti al mio primo contest 🙂 picniKiamo! Ci conto!

  9. Allora due cose…
    uno – la frangi l'ho persa per colpa mia..l'ho attesa tanto mentre seguivo tutte le fasi nel gruppo e poi l'ho persa. mannaggia a me.
    conosco perfettamente l'aroma che da il pepe di s. alle pere perchè c'ho fatto una marmellata. il cacao la morte sua. quindi fantastique ce gateau!
    due – fai un contest bellissimo e non mi dici nulla? ufffffff……:))

    1. anche io ho seguito il tuo ragionamento, cacao e pere è perfetto, quella composta con quel profumo di pepe è fantastica, risultato garantito, un pò troppo dolce per i miei gusti, ma una volta fuori dagli obblighi dell'mtc voglio rifarla diminuendo lo zucchero nella frangipane!
      riguardo il contest non sono una che tagga il mondo su fb, mi sembra sempre di rompere le balls, sono una pessima pr di me stessa!!
      grazie e mandami una bella ricetta dai!!

    1. non farmi ricordare quanto mi ha fatto impazzire 'sta foto, non ne voleva sapere di venire, dopo forse una trentina di scatti una si è salvata!
      ho visto la tua tarte, pere e spezie, io non sono oltre, siamo solo entrambe buongustaie! ^_*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *