tortelli di ricotta di bufala con crema di cime di rapa

prometto e non mantengo, perdonatemi!
avevo detto che avrei postato due o tre ricette degne di assaggio ma non ce l’ho fatta, tenere in piedi due case, occuparsi dei guai, avere improvvisamente gente a cena e dormire per una giornata intera mi hanno messa ko!
vediamo se adesso prima di preparare una cenetta veloce e leggera riesco a finire il post!
con questa ricetta accontento Eleonora, sarà mamma fra pochi giorni (yeppa!!) e fra questa e due proposte dolci ha chiesto espressamente “i tortelli”!
l’idea viene dal connubio fra i ravioli di Assunta che avevano vinto un mio contest e che mi ero ripromessa di fare non appena avrei avuto la ricotta di bufala, cosa qui impossibile, e la mia vincita del contest di Cran Berry, che mi ha fornita dall’Azienda casearia La Tramontina di deliziose mozzarelle, formaggi e la tanto sognata ricotta di bufala!
da subito ho saputo che l’avrei usata in purezza come farcia, il problema era il condimento.
da noi la maggior parte della pasta ripiena si condisce prevalentemente con burro e parmigiano, fanno eccezione i tortelli di patate che vengono conditi con sugo ai funghi, ma non mi sembrava l’ideale da abbinare alla ricotta.
volevo qualcosa che ricordasse il sud, che desse leggerezza, quindi ho optato per:
TORTELLI DI RICOTTA DI BUFALA CON CREMA DI CIME DI RAPA:
per i tortelli:

200gr di farina00
100gr di farina di semola rimacinata
3 uova
250gr di ricotta di bufala
un pizzico di sale
impastare fino ad avere una pasta liscia e non appiccicosa, coprire con pellicola e lasciare riposare almeno 30 minuti,
mescolare con una frusta la ricotta con un pizzico di sale, coprirla e lasciare riposare insieme alla pasta,
confezionare i tortelli nel modo classico o con le forme che preferite.
per il condimento:
un mazzo di cime di rapa
un’acciuga sott’olio
uno spicchio d’aglio
pinoli
sale, peperoncino, olio
pulire e lavare le cime di rapa, farle scottare per 5 minuti in acqua bollente e scolarle,
in una padella mettere l’olio, l’aglio e l’acciuga, quando sarà sciolta aggiungere le cime di rapa ben strizzate e rosolarle fino a che avranno perso tutto il liquido e aggiungere un pizzico di peperoncino (poco),
tostare i pinoli in un padellino,
tritare finemente le cime di rapa, aggiustarle di sale e tenerle da parte in una ciotola,
nella stessa padella in cui le abbiamo cotte aggiungere un filo di olio,
cuocere i tortelli, scolarli al dente e versarli nella padella insieme a 3 cucchiai di crema di cime e due mestoli di acqua di cottura, 
finirli di cuocere senza mescolarli ma facendoli saltare per non romperli unendo anche i pinoli tostati.
quello che mi è piaciuto molto è stato il contrasto fra la dolcezza della ricotta e l’amarognolo delle cime di rapa, il croccantino dei pinoli ha completato il tutto.
mi raccomando di non mettere troppa crema, il condimento deve essere leggero e non predominante, quella avanzata l’ho messa in frigorifero in un contenitore e l’ho usata due sere dopo per condire degli gnocchi di patate, ottima anche così!

ed eccomi ad un’altra promessa!
vi avevo detto che nonostante la mia fosse una raccolta alla fine avrei scelto quella che per me rappresentava IL riciclo e avrei spedito un piccolo pensierino per la partecipazione.
spero di non deludere nessuno e di non innescare polemiche fra chi ha gentilmente partecipato, ho deciso di scegliere questa ricetta che dimostra perfettamente come un lesso avanzato, delle verdure cotte per il brodo e qualche avanzo di arrosto possano diventare un piatto speciale, il suo

Pot pie con gli avanzi del brodo e arrosto

non che le altre siano state da meno, anzi, attingerò a piene mani perchè le idee sono tutte ottime e da provare, ma una dovevo scegliere, perdonatemi!

ed ora vado da Isabel a dirglielo!!!

20 thoughts on “tortelli di ricotta di bufala con crema di cime di rapa

  1. Questi tortelli sono eccezionali, la ricotta di bufala (quella buona buona) qui è da ordinare per tempo e non neanche sicuro che te la riescano a procurare, ma se ci riesco, sicuro che provo la tua ricetta…
    Ciao, Sara

  2. che bontà Dauly questi tortelli!!!
    da grande amante della ricotta di bufala, non posso che essere d'accordo con te sulla decisione di usarla in purezza 😉
    un bacione

  3. Qua non è facile trovare la ricotta di bufala ma fortunatamente esistono alcuni negozietti di specialità campane di cui ovviamente sono affezionata cliente. La ricotta di bufala è una favola…dopo averla assaggiata non si torna più indietro, la "normale" sembra non avere più sapore.
    Questi tortelli devono essere deliziosi. E mi piace anche il sugo che hai abbinato. Non ho mai usato le cime di rapa tritate per fare un sugo tipo pesto.

  4. grazie a tutte, è vero, dopo avere assaggiato la ricotta di bufala mangiare quella che di solito trovo qui non sarà più la stessa cosa, purtroppo dovrò accontentarmi!
    grazie mille e se siete fra le fortunate che la trovano mi farete piacere se proverete questa ricetta!

  5. ecco, da due belle cose ne è uscita un'altra ancora migliore!
    auguri ad eleonora, e grazie per tutti i sorrisi che mi regali quando ti leggo su fb!
    <3

  6. Che tortelli meravigliosi ! E quella crema poi… mmmh… che buoni.
    Mi sa che stanotte me lo sogno questo piatto 😀
    Un abbraccio !
    Incoronata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *