tonno senza cottura marinato con sale e zucchero

forse in previsione del fine settimana e del pranzo della domenica era meglio che vi proponessi un buon primo piatto o ancora di più un dolce che almeno una volta a settimana ci si può concedere, ma questa ricetta mi ha talmente entusiasmata che ve la volevo far vedere subito!

arriva direttamente da lontano, dall’Araba più felice del web!
ne aveva già fatto una versione tempo fa che mi ero segnata fra le ricette da provare, poi complice quel gran gnocco di Cracco ha provato anche quella del suo libro e con tanto di note.
era arrivato il momento di farla!

io ho preferito il tonno che mi piace di più e ho di gran lunga fatto una dose minore, da semi single, si perchè il figliolo appena ha saputo cosa avrei avuto per cena ieri sera si è fiondato qui!

buono, ma buono, ma buono!
alla fine della “non cottura” ha preso la consistenza e il colore del tonno affumicato, ma è rimasto morbido e col suo tipico sapore.
ho optato per due salse fai da me, la maionese alla soja che da quando ho carpito la ricetta alla chef non mollo più e un’altra con mascarpone e yogurt.
ho arrotondato le dosi per difetto e aromatizzato diversamente da lei, per l’originale andate da Stefania che vi dirà anche pregi e difetti di questa ricetta!

TONNO MARINATO CON SALE E ZUCCHERO:

300-400gr di tonno in trancio unico
130gr di sale fino
100gr di zucchero
2-3 bacche di ginepro schiacciate
erbe aromatiche miste lasciate a rametti (timo, maggiorana, rosmarino, salvia, prezzemolo, aneto o barbine di finocchio, pepe)

per prima cosa ho lavato ed asciugato il trancio di tonno e congelato per 48 ore, ho il terrore dell’Anisakis e così mi sento più tranquilla!
una volta scongelato in frigorifero e ben asciugato il tonno ho preparato il sale e lo zucchero ben mescolati fra loro ed ho aggiunto le erbe aromatiche lasciando ben insaporire per 30 minuti,
ho steso una parte del mix sul fondo di una teglia a misura del tonno, ci ho messo sopra il trancio e l’ho coperto col resto della marinata, ho coperto con pellicola a contatto e messo in frigorifero per 12 ore.
quindi l’ho girato, ricoperto e rimesso in frigorifero per altre 12 ore.
trascorso il tempo (io l’ho mangiato a cena per cui in tutto l’avrò lasciato 6 ore in più) togliere il tonno dalla marinata, sciacquarlo e metterlo per circa un quarto d’ora a bagno nel latte,
scolarlo, asciugarlo e insaporirlo con foglie di aneto o finocchio e pepe schiacciato grossolanamente, coprirlo con la pellicola e metterlo in frigorifero fino al momento di portarlo in tavola affettato sottile e accompagnato da:

salsa allo yogurt e mascarpone:


120gr di yogurt bianco
1 cucchiaio colmo di mascarpone
sale
erba cipollina
aneto o finocchio
mescolare bene lo yogurt e il mascarpone, unire le erbe aromatiche tagliuzzate e sale quanto basta

maionese alla soja:


1 dito di tuorlo
1 dito di salsa di soja
due dita di olio di semi

mettere nel bicchiere del mixer il tuorlo e la salsa di soja, col mixer ad immersione cominciare a frullare unendo a filo l’olio finchè la maionese avrà la giusta consistenza
le spiegazione di queste strane dosi le trovate qui!

che dire, ce lo siamo scofanato tutto, vi basta come commento finale della ricetta?
io ho goduto dei consigli di Stefania ed è venuto perfetto!
mi piacerebbe che lo provaste anche voi, anche se l’idea del pesce crudo non vi garba più di tanto credetemi, non ve ne accorgerete!

30 thoughts on “tonno senza cottura marinato con sale e zucchero

  1. Che buono..e che bellissima foto!
    Io preparo così il salmone (con un ingrediente segreto!) ma rifarò fedelmente questa ottima ricetta (già copiata, come sai!!)
    Un abbraccio

  2. Devo confessare di non aver mai marinato nulla in casa, sono sempre stata un po' timorosa sulla marinatura home-made. Ma di te e dell'Araba mi fido ciecamente. Proverò la tua versione con tonno che preferisco di gran lunga al salmone

  3. Una foto incantevole, sei riuscita a rendere un tonno un soggetto assolutamente fotogenico!
    Quanto alla ricetta, è una vera…furbata che faccio almeno una volta a settimana, anche se non ho mai provato con il tonno ma solo con il salmone.
    E rubo subito la mionese alla soia!

  4. Mi sembra davvero delizioso! Forse il tonno è l'unico pesce che mi piace anche crudo! Buon appetito
    Un abbarccio (ecchecavlo! è ricominciato a piovere!!!)

  5. Ma che meraviglia! Io preparo sempre il tonno appena scottato, rosso al centro e tenero, oppure la tartare… ma dato che mangio pesce crudo senza problemi, questa versione mi interessa molto! E poi la maionese alla soia merita di essere provata, domani la faccio! 😀

  6. Dauly, facendo un giro contorto sono arrivata a questo post , il tonno è nel frezeer, da domani parto con la marinatura, anche la maionese di soya la proverò!
    Grazie 🙂

    1. Si certo ma come sempre per il pesce è meglio consumarlo non oltre i due giorni di conservazione, anche se questo metodo lo priva della parte acquosa non mi sento di consigliare un maggior tempo.

  7. Perche’ appesantirlo con il latte perche’ noi italiani dobbiamo mettere il latte dappertutto pensando di alleggerire invece andiamo ad appesantire un piatto semplice che io faccio da anni?

    1. Forse non è per alleggerire ma per ammorbidire la parte esterna, io ho riportato una ricetta presa da un’altra persona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *